Il Test di Turing (secondo Jaron Lanier)

Jaron Lanier, il padre della realtà virtuale, gran figura di Silicon Valley, filosofo, pensatore e critico della tecnologia dell’informazione a cui ha significativamente contribuito a dare vita, nei suoi video e scritti parla spesso del test di Turing (per esempio: qui, o qui, o qui, o, mi pare pure, qui), fornendo, in varie versioni, un’interpretazione originale e molto interessante dei meno conosciuti fatti storici che lo hanno portato alla luce e del loro effettivo significato.
Vorrei riproporre alcune delle idee, attribuendone l’integrale paternità all’autore originario, di cui consiglio vivamente la lettura (si trova tradotto in italiano), dato che si innestano su un altro problema che mi è sempre stato molto caro: lo studio.
Non interpolerò molto di mio, ma nonostante tutte le mie buone intenzioni, volendo andare a memoria, essendo un tema molto difficile da capire e riassumere con esattezza -specie se non si è tecnici- si rischia il fraintendimento e sarà sempre bene consultare i suoi video e testi originali per avere un’idea esatta, e non affidarsi solo a quanto segue. Lo scopo è da un lato dare a conoscere l’autore americano, e dall’altro dare impulso alla riflessione. Continue reading “Il Test di Turing (secondo Jaron Lanier)”

Una Parafrasi di Argomenti di Jaron Lanier sull’Intelligenza Artificiale (AI)

Una visione non religiosa dell’AI
In parecchi video reperibili su YouTube, Jaron Lanier, uno dei padri di quella che oggi si chiama realtà virtuale, e un filosofo della scienza della tecnologia di una profondità dalla quale sono stato impressionato, espone parecchie idee molto interessanti sui social media e sull’Intelligenza Artificiale (AI). Continue reading “Una Parafrasi di Argomenti di Jaron Lanier sull’Intelligenza Artificiale (AI)”

Su Rick and Morty

Questo articolo è stato pubblicato anche sul sito di Dimensione Fumetto, al solito con maggiore attenzione alla parte grafica.  

Rick and Morty è una serie animata americana ideata da Justin Roiland e Dan Harmon per la programmazione notturna di Cartoon Network di Adult Swim. Per ora consta di trentuno episodi, in tre stagioni in onda dal 2013, ma nel maggio del 2018 è stato annunciato che saranno prodotti altri settanta episodi in diverse stagioni e mentirei se non ammettessi di stare aspettando la quarta con una certa trepidazione. Continue reading “Su Rick and Morty”

Da Scacchi e Intelligenza Artificiale, Alcune Notizie e Considerazioni

I

Da oltre una decina d’anni, i computer sono praticamente imbattibili nel gioco degli scacchi, tanto che i match uomo-macchina, che entusiasmarono tanto gli anni ’90, specie con Kasparov, il più noto contro Deep Blue, non sono più interessanti e, se si danno, si danno con dei grossi vantaggi per l’uomo, per esempio un pedone, o pedone e mossa, torre per alfiere o cavallo (qualità), o cavallo di vantaggio (c.d. “odds” o “handicap”).  Continue reading “Da Scacchi e Intelligenza Artificiale, Alcune Notizie e Considerazioni”

Biblioteca di Babele e Anagenesifobia

Con la sua inarrivabile eleganza, Borges afferma che la Biblioteca di Babele (rectius: Biblioteca Totale) contiene, tra molto altro, l’Enciclopedia che Novalis avrebbe scritto. E similmente: “las paradojas que ideó Berkeley acerca del Tiempo y que no publicó”. Continue reading “Biblioteca di Babele e Anagenesifobia”

Onnipotenza

Così come il politeismo è venduto dalla pubblicistica monoteista come uno stato “primitivo” rispetto “all’evoluzione” del Dio Unico, di solito il concetto di Fato nella mitologia greco-romana è presentato come una forza superiore persino al Supremo degli Dei, e l’argomento è spesso usato -a discredito- per confermare come quello (Zeus, Giove) non fosse il “Dio vero”, l’unico, autentico e realmente “Onnipotente”. In effetti le cose stanno diversamente; il Fato è ciò che il Supremo tra gli Dei ha stabilito che debba essere, e a quel punto non può cambiare. La questione potrebbe sembrare irrilevante, ma solo questa visione rende possibile il sorgere della civiltà della scienza.  Continue reading “Onnipotenza”

Critiche ad alcune posizioni della divulgazione scientifica atea

Io sono ateo professo e convinto (nei limiti del ragionevole); dopo un lungo percorso, sono anche completamente razionalista e del tutto privo di superstizioni. Non ho cambiato più idea e non credo che sia verosimile che ciò accadrà mai: non mi sono mai sentito meglio di così, da emancipato come sono ora, e non tornerei mai indietro, ma se dicessi che è stato semplice mentirei.   Continue reading “Critiche ad alcune posizioni della divulgazione scientifica atea”