Curiosità Linguistiche e Culturali dalla Serie TV Futurama

Ho imparato molto dalla mia serie preferita, Futurama. Negli anni ho sempre omesso di appuntare le varie “scoperte”. Ho deciso di iniziare solo ora, ma meglio tardi che mai, il contenuto non è solo ricco di curiosità per nerd, può anche aiutare i lettori e gli studiosi a capire e parlare meglio l’inglese.       
Inizio con pochi paragrafi nella speranza di essere costante e appuntare tutti i dati di volta in volta ricordati.

 

Bender

Tutti sanno che il nome del robot protagonista della serie migliore della storia umana significa “piegatore”, “to bent” in inglese vale piegare. Ed infatti la sua specializzazione lavorativa è proprio quella di “piegatore”, come viene ripetutamente fatto notare. Forse non è altrettanto noto che un “bender” in inglese è anche una sbronza, o più precisamente una bevuta sfrenata. Il robot è infatti anche un gran bevitore.

 

Bender Vs Folder 

Dicevamo,  Bender è un robot “piegatore”, quindi quando Il Professore gli chiede di piegare due maglie usando la più corretta alternativa verbale “to fold”, lui gli replica che non c’è in vista nessun robot chiamato “Folder”, al che l’anziano è costretto a ripiegare sull’uso del verbo “to bent”, fregando comunque il furbetto. Il gioco di parole inglese è però appena più profondo, dato che “folder” non è solo il frequentativo di “piegare”, ma anche il sostantivo per “cartella”, oggetto di cancelleria o informatico. Il fatto, nella versione di lingua inglese, ha l’immediato effetto di suscitare l’ilare immagine mentale di un robot la cui funzione idiota sia quella di una cartella di cartolibreria.    

 

Washboard

In un episodio Bender rimane paralizzato dal collo in giù, ma diviene una star della musica blues, l’incidente infatti lo rende simile a uno strumento a percussione tipico del genere, la washboard, pezzo di umili origini, una semplice tavola da bucato.

 

Big Caboose

In Forty Percent Leadbelly, Bender conosce un robot ferroviere chiamato Big Caboose. Caboose è tradotto con “cambusa”, ma in particolare nel gergo ferroviario americano è (o era) l’ultimo vagone di un convoglio, di colore rosso, che alloggiava utensili di varia natura o utilità e bagaglio. Nel film Cookie’s Fortune, Liv Tyler sta adattando uno di questi vagoni come casa, per esempio.
Ma non è tutto, riguardo a Futurama. Essendo la Caboose l’ultimo vagone del treno il termine è usato anche per significare il posteriore, il sedere. È un modo di dire un po’ antiquato, delicato e “da nonni”, ironico e divertente, “a kick in the caboose”, è un calcio nel sedere. Va quindi sottolineato che il nome del personaggio del cartone animato suona implicitamente come “culo grosso” (in italiano potremmo anche dire “culone”, usando il suffisso). In inglese si può usare anche “big ass”, ma questa seconda espressione è molto poco educata, la prima è di sicuro più ironica e accettabile. Il senso di “big ass” in inglese però merita qualche chiarimento. “Big ass” è usato in molti casi come rafforzativo (inelegante) in una semplice valutazione volumetrica o metaforicamente volumetrica, per esempio: “the US is a big ass country” varrebbe: gli Stati Uniti sono un paese molto grosso. O: “Mr. Smith has a big ass ego”, si vuole sottolineare che il Signor Smith ha un ego assai ipertrofico. In altri contesti però “essere” un “big ass” significa essere (in pratica) un “gran coglione” o altre volte perfino un “grande stronzo”. Nel caso del robot, considerando il suo comportamento e che la sua amata lo tradisce con Bender, l’allusione è chiara.

 

Shotgun

In un episodio la “ciurmaglia” deve andare in qualche posto e quando sta per imbarcarsi si sente Bender esclamare “shogun” tra la delusione generale. La parola significa fucile, di solito a pompa per difesa domestica, ma è anche il fucile che la polizia ha in auto tra i due posti occupati da conducente e collega. Dire “shogun” in un contesto del genere esprime quindi la volontà del parlante di occupare il (di solito preferibile) posto anteriore passeggero della vettura. Al primo che dica “shogun” in America è concesso il posto desiderato.

 

Fender

In “Hell Is Other Robots” appare un vecchio robot chiamato “Fender”, è ovviamente un riferimento alla famosissima marca americana di amplificatori usati se non da tutti da moltissimi gruppi rock e metal, ma può essere utile far notare che insieme i due robot “Fender e Beder” creano un ilare gioco di parole e un devertente doppio senso, in inglese infatti un “fender bender” (piega paraurti) è un incidente automobilistico con minime conseguenze economiche.

 

 

(Visited 42 times, 1 visits today)