Distillati e Alcolici

Qui raccolgo articoli e recensioni di Distillati e Cocktail e tutto ciò che è relativo al bere. O anche semplici consigli per gli acquisti delle bottiglie che ho trovato più interessanti.
Le recensioni, diverse anche tra loro per estensione e cura, non sono, in effetti, neppure tecnicamente tali, il loro livello è senz’altro amatoriale, nel migliore dei casi da appassionato e nulla più; inoltre sono scritte subito dopo l’assaggio, quando sono più o meno ubriaco. E non mi riesce proprio di scrivere in tali condizioni, non so come facciano altri.
Si consideri quindi che il tenore generale di questa pagina NON rispecchia, né quanto a lessico, né quanto a rigore, quello del resto del blog. 

 

Sul Martini Cocktail, Cenni e Ricette Selezionate

L’acqua della vita: i distillati!

Un suggerimento per apprezzare il meglio che viene dall’Italia, e saperne di più sulla grappa

Seltz, Club Soda, Tonica, Ginger Beer: cenni sui prodotti con cui diluire i distillati

Gin Navy Strength, Plymouth

17. “Early September Tasting Room Extravaganza”.

– I confirmed with great pleasure, and with a generous post work-out six pack, that Bohemia is my favorite Mexican beer; which is saying something, since Mexicans can definitely make beer! It is clearly leading in front of: Tecate, XX, Corona, and even Modelo and Pacifico. I never miss an opportunity to reiterate this well known fact, neither should you, if you find it, buy it!
– I acquired, just for fun, The Trooper, Iron Maiden created beer, brewed by Robinsons Brewery in Cheshire, England, 4.7% alcohol content. You buy it for the beautiful Eddie the Trooper can, but I was expecting a good English product also, and it is not at all disappointing, it is a refreshing amber and hoppy beer, not heavy and not too complex, pleasant, fresh, and, which is the best part of it, one of the few amber colored brews that you can have a second time. I definitely liked it, but has to be said that I not particularly like, especially in September, clumsy, fat, full bodied ales that want to be stupidly “Medieval”, well, this is not one. Very smart choice.
I normally do not fall into stupid commercial gimmicks, neither I like musicians, nor even metal-heads in particular, nor humans in general, I wouldn’t buy something from Metallica, for example, but I honestly appreciate those guys, they are smart, prepared, intelligent, cultivated, altruistic and I support them with pleasure in their fun initiatives.
– Anyway, the real “brewed novelty” of the early evening (low alcohol content part of the gala) was the seasonal Bob’s 47 Oktoberfest beer from Boulevard, Kansas City. It is good to have a local brand such as Boulevard, one of the best breweries around, and my favorite one in the US, never missing a shot, with a very vary production and many pleasant novelties all the year around. It is guaranteed that their product will be excellent, you can rely on this fact; while you may like each beer more or less, high quality will always be found.
In this case a 5.8%, a bit strong, amber and hoped lager perfect while grilling steaks as I am doing. Very good indeed, but a six pack could be too much. Too late now!
– On the “heavy stuff” front, after almost two years, I needed another bottle of Calvados for the long and harsh winter to come; this time I had to switch from Chauffe Coeur, which was excellent, to Menorval, again due to Illinois laws which do not allow shipping spirits out of the borders anymore. Damn politicians, I curse you!
The previous one, perhaps was even “too” good since I didn’t dare to use more than a shot or two for the only Appletini recipe I tolerate; and this new one is different but still very high quality. It is lighter and maybe there are some fresh notes of cinnamon, butterscotch candies, says my wife who loves it. The taste is definitely not harsh, very elegant, with light notes of wood, delicious.
The bottle is transparent, I normally do not like it much, but it is a detail, and it is partially compensated by the marvelous pale elegant color of the liquid in evidence through the glass.
– The real novelty in spirits, and where all my expectations of the day were, was a Pear Brandy by Clear Creek distillery, established in 1985, in Oregon. It is quite expensive, but you can find a half-bottle.
Oregon, as Washington State earned all my respect over time, I always found excellent products from there, especially on ciders, since both States are famous for their orchids of apples, and pears.
It is very good indeed! It is exactly how I wished it to be, charged with fruit flavor, honest and elegant like the best of nobleman, a joy for the nose. On the taste side it is also perfect, you can tell the good quality, it is completely white, not aged, so you don’t expect any additional notes, I wanted to try this version at first to have a general idea of the distillery. Fantastic! Nothing is missing compared to an European product, not at all! And being used to harsh grappa the taste is even more delicate than I expected it to be, while my wife loved it, but had some complaints about the burning.
– And finally, in a special place, after at least three years I heard of it, I was able to taste the famous Fords gin, a classic London Dry, existing since the nineteen century, and which, I read several times, is considered one of the best options (or the best one) to prepare the most classic and traditional martini cocktail.
Everything is lovely in this gin, starting from the bottle and the green color of the labeling, which proudly gives a lot of information to the consumer: well deserved awards, list of spices and herbs from all around the world, and insures a robust 45% alcohol content that gives to the martini cocktail that extra kick that it tolerates so well.
This is exactly how a gin should be, somehow mean and intense, it also happens to be fresh and joyful, stuff for gentlemen and sailors at the same time, and affordable! Affordable! Twenty dollars or so for a very good product, and a bottle that I surely prefer over many, many other and fancier “pharmaceutical-botanical” looking, snarky, options. Well done Britain! Keep it true!

What an adventure!

16. Royal Dock of Deptford” by Hayman
Even if you are hundreds of miles away from the sea, sometimes the sea will reach you anyway. There is no reason to resist, and not to feel somehow in a “seafaring” mode, when you are an Italian, land of sailors, you have had a Greek dinner, also from a land of sailors, you live in America (USA), the country with the biggest Navy in history of mankind, and outside is heavily thundering and raining, you are alone, like all “old salt” (metaphorically, I feel seasick often) like me always are, and (specially) you have the chance to enjoy a good bottle of old fashioned Navy Strength gin.
I had a good old Plymouth past time, a must of British production, very characteristic, and unusually sweet for the Brits, it was used to celebrate the launch of new warships. … We talked about it. 14203179_10154157466189807_9185895618267564131_n
This time I have chosen the “Royal Dock of Deptford” by Hayman distilleries, London, England, based on the river Thames, which is as powerful as the other one (57°) and “provisioner to the Admiralty and trade from 1863”, says the label.
The relation between gin and Royal Navy has always been strong and unique, it is a good adventure to taste what those brave, and drunk, men tasted in a much more daring life than mine, and maybe dreaming about being myself somehow capable to stand a monarchy, which can only be achieved by virtue of strong spirits.
At the nose it is extraordinarily refreshing, well structured and complex, but, as to say, without “useless tinsels”, the predominant note is juniper, like, in my opinion, it has to be, followed by citrus, cardamom, and coriander, which all together give the impression to smell it merged in a pleasant aromatic pinewood.
In the mouth you can definitely perceive the alcohol content, it is strong and powerful, but, strangely, not as much as you could expect, due to its extreme freshness. Definitely there are gins with a lower alcohol content that can be harsher, this one is very delicate and gentle in its own way, spicy, robust but not mean, delicious!
My first taste has been neat, just one sip, and right away on the rocks, where its herbal side increases its importance, and maybe it is the way to enjoy it.
It could be just an impression, but it had on me an instantaneous effect of relaxation, clearing my mind completely.
The Martini I chose to prepare was an old fashioned one, and I used, this time, the Gallo Extra Dry vermouth (even if I generally prefer the Extra Dry Martini) and the choice, I have to say, has been correct. They combine very well, and, I ignore why, it develops a sour, or more precisely, an almost saline note, that is very pleasant (it is not due to olives).
Another interesting version can be made using sweet vermouth, preparing a Martinez, but maybe you can start feeling that the best components of this product are not showing off as they deserve.
Of course it works well in all other recipes and cocktails, always giving a generous contribution to a special moment in your drinking life, gin and tonic, gimlet, all that implies lemons, but, I guess, all its excellence and personality is fully understandable only if you had it neat first.
I recommend to try a “white lady”, and even a “clover club” (one of my all times favorites), in those cases it gives an extra kick, that could be more appreciated in cold periods of the year, I guess.
Even in a Negroni it is recognizable, especially if you are not tightfisted and adapt the recipe to your needs, putting more than it is required. Maybe, the less personally denoted of the drinks I tasted could be the “aviation”, and I conclude that probably it combines “less well” with sweet ingredients, rather than with sour ones. It is fantastic in a gin & tonic.
In conclusion I think this gin is excellent, it is indubitably something to try, powerful, tasty, at the same time complex and generous, elegant, but direct and sincere.

15. La Gose Style Ale della Sierra Nevada
A seguito di qualche settimana senza bere –ce lo vuole e pare faccia sempre bene- mi si sono andati accumulando alcolici da provare e di cui parlare.gose
Mi sono, infatti, dotato di un bourbon con ottime recensioni, di un whiskey irlandese che ora va molto di moda, di orange bitters americani per un perfetto Manhattan, di un seltz al mandarino che so già eccellente, molto leggero e delicato, ma che vorrei provare in un Negroni o magari un Americano, poi ho una tonica al luppolo, anche se non sono un fan delle toniche “fashion”, una birra agli aghi di pino, che cercavo da un po’, inoltre era dovuto che prima o poi acquistassi il famoso gin Bombay Sapphire East, che pure aspetta un bel Negroni. Parleremo di ciò che troverò migliore.
L’acquisto che più mi ha incuriosito, però, e con il quale iniziamo la ripresa delle attività sibaritiche, è la “gose ale” della Sierra Nevada Brewery, che ho sottratto al frigo del mio negozio di fiducia, proprio perché della Sierra Nevada; devo, infatti, dire che tutti i loro prodotti finora assaggiati sono eccellenti. Ho adocchiato una lattina nuova, di livrea giallo oro, e non mi sono nemmeno soffermato a leggere bene di cosa si trattasse. Presa!
Avendo percepito solo il nome del prodotto, alla cassa la commessa me lo celebra con vero entusiasmo, ma… devo fare una confessione, non sapevo cosa fosse una “gose beer”, ho rattoppato una frase di circostanza che non lasciasse trapelare la mia ignoranza –è giusto vergognarsene-, ma non sfociasse nella disonestà peggiore e orrenda di far credere di sapere ciò che si ignora.
La gose beer è una birra tradizionale tedesca, come molte ricette germaniche ripresa dagli statunitensi, che hanno avuto una fortissima immigrazione da quelle terre, e che ha formato il secondo gruppo etnico per numero. Nasce nel XVI secolo nella città di Goslar, da cui il nome. Era completamente scomparsa dopo la seconda guerra mondiale, ed è tornata in produzione alla metà degli anni ottanta del secolo passato, a questo punto, va detto, con certo successo, se è arrivata fino agli USA. La storia è interessante e consiglio al consultazione della Wikipedia, che al momento non ha, però, una pagina in italiano.
Si tratta di una birra ad alta fermentazione prodotta con almeno il 50% di frumento “maltato”. I sapori dominanti in una birra gose in genere dovrebbero includere limone e una caratteristica base erbacea, oltre ad una marcata salinità e acidità per aggiunta proprio di sale e coriandolo e l’inoculazione di batteri lactobacillus dopo la bollitura. Come caratteristica non sono birre troppo amare, ed hanno un contenuto alcolico moderato di 4-5%. La gose appartiene alla stessa famiglia di birre di frumento acide che una volta erano prodotte in tutta la Germania del Nord e Paesi Bassi. Altre birre di questa famiglia sono la belga Witbier, la Berliner Weisse, la Broyhan, e la polacca Grodziskie.
Questa della Sierra Nevada riporta in etichetta di essere elaborata con pompelmo e cactus. Solo in America è possibile trovare la riproposizione di una antica ricetta tedesca, con ingredienti messicani, cioè con influssi di varie culture rielaborate in una nuova veste. Forse il marchingegno non funziona sempre, probabilmente quando si spinge su tali incroci per voler essere “originali per forza” escono risultati mediocri, se non criticabili, ma quando il tutto esce spontaneo, è garantito il successo. Tutto sommato il “purismo” è ancora più delirante della sperimentazione.
Il colore è molto particolare, un oro pallido che si accentua un po’ in una torbidezza che potrebbe ricordare un vino bianco gelato, la schiuma è abbondante, ma rapida. Al naso si colgono più le influenze del cactus, con una “strana” leggerezza primaverile e vegetale, che quelle del pompelmo, mentre forse al palato la situazione pare invertirsi e appare più l’agrume.
Rimane ad ogni modo piacevolissima, estiva, molto fresca e apparentemente leggera, ha una sapidità inedita in altre birre. La presenza di lieviti, come nelle weisse potrebbe alla lunga essere problematica per stomaci delicati, ma è senza dubbio un rischio da correre in virtù del sapore acido (ma non estremo) e fruttato, un’esperienza che va consigliata e che lascia anche un prolungato senso di appagamento nello stomaco.

14. Whisky single malt: Glenfarclas 21 years old
Il mio assaggio per il mardi gras.
Con gli anni e l’esperienza ho imparato tanto. Comprando bottiglie e non andando al bar si beve meglio e si spende meno; i cocktail, se non sei un inetto, escono alla perfezione e a gusto tuo. La compagnia non ti manca.
C’è poco da fare, la misantropia e l’asocialità sono belle, sono il futuro, l’evoluzione. Si vive meglio. Innumerevoli le delusioni, uomini e donne, condividere una bottiglia non vale la pena, avrai solo bevuto meno: gli amici passano, ma è il ricordo delle bottiglie che resta!
Infatti ricordo perfettamente quando ebbi la brillante idea di dotarmi di un Glenfarclas 105 proof, per il mio compleanno, ma feci l’errore di condividerlo con amici. Ne bevvi solo un settimo. Ora, non parlo più con il 50% delle persone implicate! Il ricordo del distillato al 50%, invece, è così vivido che da lì in poi mi sono innamorato della distilleria e cerco di provare ogni versione.
Questa volta ho scelto il 21 anni, innanzitutto perché era in offerta, e poi perché mi è rimasta in gola la fregatura presa con un altro 21 anni single malt (il Grangestone, non lo comprate!).
Col Glenfarclas non si corrono rischi, la versione 15 anni parrebbe essere la più interessante delle tantissime, di questa distilleria dello Speyside, ancora familiare, anche se di grosse proporzioni, ma sicuramente il 21 anni va provato.
Andare oltre nell’invecchiamento non vale forse (e come di frequente) la pena, il prezzo cresce, ma assieme ad esso non cresce proporzionalmente anche la qualità.
A dirla tutta io amo anche (ripeto, anche) i whisky giovani, erbacei, che considero da passeggiata mattutina, ma un malt prestigioso, solenne, ha in effetti tutta un’altra portanza: è il ponte che ti condurrà fino all’arco di trionfo del sopore più gradevole che esista, lì potrai riposare meritatamente libero dalle umane meschinerie, piccolezze, maldicenze in un caleidoscopio di colori immaginati, che fiorirà nella tua mente ottusa e ottenebrata dalla piacevolezza. Sì! Questo è l’effetto di un caldo single malt di 21 anni.  glenfarclas-21-year-old-whisky
Il prodotto è a 43°, la bottiglia delle mie preferite, bassa, panciuta; il colore non è possibile evincerlo subito, dato che il vetro è marrone, ma una volta versato è di un bel color oro, chiaro per l’età; l’etichetta posteriore garantisce un colore naturale, e un whisky intenso, con note di frutto tropicale, noce moscata e mandorla, note di agrume unite a una fumosità alla vaniglia, un gusto di fondo resistente e duraturo. Quello che c’è da aspettarsi da un single malt di questo prestigio.
Dalla mia, aggiungerei assieme al distinto aroma di sherry e quercia e, a quanto già detto, note piuttosto evidenti di uva passa, marzapane e zucchero fuso (più che mandorla) un sentore di rosa rossa, ananasso… deuterio e trizio, si scherza ora!
Il corpo è piuttosto leggero, o meglio medio, il liquido non troppo oleoso, lascia archi abbastanza aperti.
Al gusto si distingue, oltre che per garantire tutto quanto già nell’olfatto, dei sentori speziati molto raffinati, è vero che prevale la noce moscata, ma ho trovato qualcosa di erbaceo, molto piacevole, persistente, avvolgente. A un secondo assaggio mi è parso di notare sentori di liquirizia o forse menta, persino sandalo, ma sono incerto.
Rimane caldo e sontuoso il suo persistere, elegante, raffinato e non invadente.
Sicuramente, a gusto personale, è un malt che va provato, e riprovato, di quelli di cui vorresti avere una fornitura a vita. In effetti… forse è uno scotch da antologia, una specie di prototipo su cui poi basare quanto di ulteriore questo bel mondo può offrire. E seppure potrebbe risultare complesso al neofita, sono certo che potrebbe essere un buon punto di partenza, chiaramente da provare e riprovare nel tempo. Un punto di riferimento, come deve essere un whisky eccellente.

13. The Bitter Truth, pink gin
Questo il mio assaggio di nuovo anno lunare-cinese 2016. Multiculturalismo! 12699103_10153611877364807_681733940_o
Dunque! Un lupo di mare del distillato, un vero pirata da barile, non si fa abbindolare né da nomi, né da etichette, né da colori! Va però detto che, se il gin francese infuso allo zafferano, col suo magnifico, sì, magnifico colore arancio-oro, un colore “medievale”, da re norvegese frantumanelli, o il gin azzurrino London n°1, dalla tinta così particolare e dolce, da evocare, essa da sola, primavere e fioriture, brezze e amori lontani e puri, ed altre fantasie altrettanto assurde e piacevoli, valgono già solo per la tinta, e la tempesta mentale che ne sussegue, il prezzo della bottiglia (e sono tra l’altro eccellenti) un gin rosa va assolutamente provato.
Al contrario di quanto si potrebbe pensare, il gin rosa è riproposizione di una ricetta esistita in tempi piuttosto risalenti ed usato, a dispetto di inconsistenti pregiudizi sul colore, dalla virilissima marina britannica, che tante lacrime è costata, e storicamente si riscatta solo con alcuni beveraggi come le birre ipa e gin, tra cui abbiamo il piacere di ricordare i famosi navy strength (e specie il Plymouth, su cui si è scritto).
Il Plymouth era tra l’altro proprio il gin utilizzato per il pink gin, ricetta medica dalla Royal Navy contro la nausea, che altro non è che il distillato stesso con aggiunta di angostura (o altro bitters). Anzi, era il gin ad essere aggiunto all’angostura, principio attivo, per renderne meno arcigna l’assunzione.
La casa tedesca di bitters da cocktail “The Bitter Truth”, ripropone l’infuso (che oggi è un cocktail, anche piuttosto celebre) già preparato (con notevoli elogi in rete, vedremo).
A proposito della ricetta, il pronipote di Charles Dickens, Cedric Charles Dickens (scomparso nel 2006) riporta quella del “burnt pink gin”, un cucchiaino di angostura scaldato su una fiamma (come da eroinomane) e poi versato in una consistente quantità di gin.
Furba la trovata della casa di concepire un’etichetta accattivante alle suggestioni piratesche, immagine di veliero e decorazione in stile consono, con sfondo a carta nautica, florilegi dorati e, ancora, font pure da “pirati”. Il tutto risulta alla fine un po’ la tipica pacchianata tedesca, e non ci si può sbagliare perché l’etichetta riporta orgogliosamente, ma in inglese: “product of Germany”. Aggiunge inoltre trattarsi di uno “spiced gin” e che il colore è dovuto all’aggiunta di bitters e caramello, che si spera non influisca sul sapore. Colorante E129.
Essendo un gin, in definitiva infuso, non occorre mescolarlo con altri prodotti, è anzi meglio provarlo così come è, semplicemente mescolandolo nel ghiaccio affinché si raffreddi a dovere, ma evitando di insistere troppo, dal momento che si tratta di un prodotto commercializzato ai canonici 40°, e che potrebbe corrersi il rischio di annacquarlo troppo. Per una corretta diluzione, non insisterei oltre i 40 secondi in abbondante ghiaccio a pezzi grossi e molto duri, ma sono molte le variabili (dimensione del mixer, del ghiaccio, ritmo di mescolamento, etc.), quindi è anche difficile dare indicazioni realmente utili. Ci vuole mano.
Come ci vuole mano per azzeccare la corretta quantità di angostura per farsi da soli il pink gin, e il maggiore pregio del prodotto tedesco è proprio di quello di fornire una versione equilibrata e assai piacevole.
L’aroma del distillato è distinto e assai aromatico, speziato, come ci si attende, il gusto secco, con note distinte di arancio e molto più vagamente citriche, piacevolissimo, ma forse, se si vuole proprio trovare il punto debole, diremmo: non imprescindibile.
Il gin di base è molto canonico, non eccessivo nelle note di ginepro, pare un buon prodotto, non distorto dalle aggiunte, e il bitters, devo dire, è interessante concorrente della classica bottiglietta coperta in carta dell’angostura.
Un confronto diretto con un pink gin fatto a mano, con un gin scelto a posta (ma di cui non rivelerò la marca), risulta più personale, tutto sommato di uguale o migliore qualità.
Devo dire che la versione più piacevole delle varie provate è stata quella del Martini Perfect; il gin si adatta benissimo, nonostante il risultato sia per forza piuttosto dolce (specie per chi ami versioni estremamente secche del cocktail Martini) e addirittura conferisce una nota speziata che quasi lo nobilita, e lascia fantasticare per un istante di un bar messicano, in un costoso viaggio di nozze.
Reagisce bene alla ginger beer, anche alla ginger ale certamente, in effetti meno al seltz.
In conclusione si tratta di un buon prodotto, che di certo non delude, piacevole, e anche una “novità” a cui si può dare fiducia, ma non è certo necessario aggiungerlo alla propria collezione personale e al proprio “vissuto alcolico”. Allo stesso prezzo, infatti, se fossi un neofito acquisterei un classico non ancora provato, mentre l’esperto sa preparare da sé il suo cocktail.

12. Gin: Caorunn
Ormai considero pressoché una sicurezza comprare prodotti scozzesi, sì, anche gin! Un posto, la Scozia, che fa quello che tradizionalmente è terreno degli inglesi, meglio degli inglesi stessi, se consideriamo che nella mia selezionatissima top ten (non esiste, sarebbe come scegliere tra i propri figli, ma per intenderci) due gin (Hendrick’s e Botanist) sono di là.caorunn
Il Caorunn è molto ben trattato nelle recensioni che ho letto; il posto da dove me lo sono fatto spedire (in offerta) non mi ha mai dato fregature fino ad ora e gli tributa 5 stelle, un’opinione generalizzata in rete, la cui affidabilità è però molto bassa, se pensiamo che mi è costata un single malt 21 anni davvero mediocre (mia moglie vuole usarlo per cocktail e punch) e un pessimo gin californiano che sa solo di sapone e alloro, e che nonostante è quotatissimo.
A breve proveremo un cicchetto puro, un martini versione Churchill, e un altro old fashion per vedere come si comporta.
Non riesco ad attendere il rientro a casa dal monster trucks!
Eccoci! Gin premiatissimo, e che ha ricevuto (come da foto di allegato cartellino) punteggi sempre molto alti, si apprezza subito il tappo di sughero, Sughero granulare agglomerato, ma sempre meglio, di quello, anche a un prezzo maggiore, sintetico del gin del Missouri, Rieger, per esempio. La bottiglia è panciuta e pentagonale alla base, forma a stella che attira l’attenzione femminile; un po’ forse può ricordare quella dell’Aurum.
caorunn cartellin 2caorunn cartellino
Commercializzato alla “strana” gradazione di 41.8°, al principio si rivela magari un filo alcolico all’olfatto, ma dolce al contempo, sa di grano, somiglia a una vodka per qualche verso, e, secondo me, può piacere anche ai non amanti del gin, se ben raffreddato. Le note di ginepro sono comunque evidenti. Specie a temperatura ambiente, però, è quando le note di grano si fanno evidenti. Come da prove varie, diviene un ottimo prodotto per martini in tutte le sue versioni. Provato con una Churchill, Hemingway, versione classica old fashioned, M
artinez, il responso è sempre eccellente. Sopporta bene vermouth anche dolce.
Floreale ed elegante, ha però una sua personalità, e corpo, è un gin che a questo punto potremmo definire “tipico scozzese”, se confrontato con gli altri due patri, forse è meno sapido e robusto.

11. Sigle Malt Scotch Whisky: Ardmore 16 cask strength, single barrel
Finora, non ho mai riposto migliore fiducia in vita mia che negli americani; quando vogliono, hanno una gran competenza in tutto; quindi è a cuor -piuttosto…- leggero (sono pur sempre ancora intriso della diffidenza italica) che ho deciso di dotarmi di un single malt cask strength (li prediligo) scelto dall’esperto di un grosso liquor store di Chicago. Ardmore
Lo immagino di origini irlandesi, o perché no italiane, -magari francesi?- speriamo non si sia fatto fregare dagli scozzesi.
L’acquisto di una bottiglia single barrel cask strength è sempre un grosso rischio, e una “grossa responsabilità”, ma visto il successo clamoroso di quella dell’anno scorso, con uno dei “miei” malt di spicco, il Linkwood pure 16 anni, ho deciso di riprovare.
Il rischio è insito nel fatto che, se già il single malt è assai radicale come whisky, venendo da una distilleria determinata, e non è “bilanciato” da esperti con il blending di altri malt, nel caso del single barrel, si preleva distillato da un barile solo, e se il barile non è all’altezza, il whisky è inferiore alle aspettative.
Non siamo melodrammatici, è un rischio calcolato, le distillerie oggi hanno esperti di gran caratura, che ovviamente fanno gli interessi dell’azienda, i quali però sogliono collimare con quelli del consumatore, dato che se il prodotto è deludente non venderà (beato mercato libero) Non si sa mai per certo ado ogni modo, specie in bottiglie “fuori serie”!
Sono piuttosto esigente, a modo mio. A modo mio perché, formato in giovanissima età come bevitore in Italia (paese di certa tradizione, c’è da dirlo), prediligo gli spiriti forti e di carattere, anche prepotenti, e specie non disdegno note alcoliche decise, che anzi tollero bene al palato e mi emozionano.
Questo Ardmore, distilleria celebre delle Highlands, è imbottigliato per la Gondon and Mc Phail al 55.5%, distillato nel 1998 (un anno del piffero per me) invecchiato 16 anni e poi scelto (“hand selected”, speriamo bene!) da Binny’s a Chicago, Illinois, una della mie città preferite.
In effetti la bottiglia è una di 243, da barile “hogshead” da sherry n° 5587, non filtrato e con colore naturale piuttosto scuro, ambrato scuro, molto bello.  ardmore 1
L’aroma, appena versato, è dapprima e apparentemente dolce, ma poi si rivela straordinariamente, ma davvero straordinariamente erbaceo, nonostante il colore sia così “caramellato”, lascerebbe intendere diversamente. Preponderante è lo sherry, ma è assolutamente complesso, ci si potrebbe perdere nelle note aromatiche per ore, emergono comunque frutti maturi, l’etichetta menziona banana e mela, cacao, buccia d’arancio e cera d’api, c’è da fargli caso.
Il corpo  è un po’ oleoso, lascia una corona che si muove lentamente, anche a causa della elevata gradazione.
Fumoso? Sì! Ma mai quanto il suo predecessore, il Linkwood 16 (di cui ricordo sempre con piacere il 22 anni che regalai a mio padre), questo è un malt completamente diverso, ananas, cocco, legno di sandalo, tanta quercia, legno!
Ardmore! L’aggiunta di acqua dapprima non pare modificare troppo l’aroma, che rimane trasognato e favoloso, ma lo sherry si fa forse ancora più evidente.
Le sue note sono predominanti, da subito, aumentano un po’, si attenuano come il leitmotiv di una orchestrazione complessa e sul palco, emergono le attese note di mela, mela matura, arance al sole e tutto il resto. Senza l’aggiunta di acqua il distillato si muove lentamente, il bicchiere modificato ha una maggiore “fruttuosità”, ma il tempo è tutto, basta non avere fretta.
Al palato la versione pura coi suoi poderosi 55.5 gradi brucia come ci si aspetta, appaiono demoni sensuali e femminili con rossi seni scoperti che invitano all’orgia alcolica. Non si cede! È difficile trovare un prodotto che marchi a fuoco con tanta “dolorosità”, ma sia così adorabile al contempo. Sapido, intenso, ma fruttato, mandorlato, natalizio, commovente, terrenale, sexy, molti i numeri per i palati più dotati del mio, pepe, spezie, un incanto.

11. Gin: London N° 1
London n°1Questo (in foto) è il magnifico colore (certificato) del gin London n.1, senza praticamente aggiunte di sorta, dato che  è preparato in un martini “in and out”. Il distillato è commercializzato al 47%, nonostante il sapore rimanga piuttosto delicato. Un gin davvero eccellente a mio avviso, anche elegantemente profumato, non manca tuttavia di personalità come succede ad altri teoricamente della stessa qualità (ad esempio Bulldog e 50 Pounds mi hanno un po’ deluso francamente). Unico punto debole può essere considerato il prezzo, ma se volete un martini che davvero non solo non ha bisogno di vermouth, ma forse addirittura non lo gradisce troppo, questo fa per voi!

10. Gin: Martin Miller
martin miller
I momenti drammatici, prima o poi arrivano, vanno convertiti in un’altra occasione per bere! Che altro fare? Coppetta old fashioned o triangolare, versare più o meno vermouth, scorzetta di limone o oliva, una, due, tre, ripiena o no, cipollina… sono opzioni, il gin Martin Miller, da Inghilterra e Islanda è da alcuni considerato una delle migliori alternative (se non la migliore) per un martini classico. Qualità prezzo, probabilmente davvero non ha rivali. La mano del barman non è opzionale! Veramente un eccellente gin!

9. Johnnie Walker 15 Green Label
I blanded a volte non hanno nulla da invidiare ai single malt, forse la leggenda (anche giustificabile, per carità) che questi ultimi siano generalmente di più elevata qualità ha un po’ preso la mano. Se vi capita dinanzi un bel Johnnie Walker 15 anni etichetta verde, potrete apprezzare una gamma di aromi e sapori che reggono sicuramente il confronto con un complesso single malt. johnnie walker
Whisky bland di malti (quindi non propriamente “blanded”, ma “vatted”) unisce prestigiosi single in un’armonia che sicuramente vale l’esborso pur considerevole, ma assai minore del suo collega più alto in gamma, il blue label, che va a oltre il doppio del prezzo!
Un aroma complessissimo e che si sviluppa nel tempo, porta ad apprezzare prima note di bosco e legno umido, torba, ma anche sottobosco, baita piovosa, fumo, alcolico, sì, ma piacevolmente, poi fiori, bacche rosse e nere, frutti maturi, man mano più distinti e più leggeri, senza perdere intensità si passa per autunni in campagna e si arriva a primavere e ananas, forse anche banana. Il primo sorso è da uomini!
Appare da subito molto caldo e poderoso, dolce, natalizio, richiede certo allenamento forse? Non lo so, sono allenato e cerco solo di immedesimarmi guardando mia moglie, che però è allenata quanto me. Rapido e intenso al contempo, sapido e sapiente, è un whisky che si fa ricordare e che come un fortunoso compagno di strada che ti aiuta a cambiare la ruota del carro, porterai al pub per ringraziarlo ogni volta che ti troverai per le strade brumose e accidentate della Scozia dei whisky che ami.

8. Gin: 50 Pounds
50pQualcuno potrebbe dire che usare un gin così prestigioso come il Fifthy Pounds per un cocktail è eccessivo, ma la vita lascia già abbastanza a desiderare per cincischiare sulla mixologia. Il White Lady merita il rispetto che il nome suggerisce e così preparato è eccellente!
Un gin molto famoso e celebrato, con distinte note di ginepro, ma armoniche e assolutamente eleganti, che va assolutamente provato per arricchire la propria cultura sul tema, ma che forse manca di quell’impatto necessario per giustificare il suo costo elevato. A mio avviso altre marche forniscono migliori standard per essere prese in considerazione come “gin di serie”, da avere sempre in casa. 

7. Gin: Saffron gin
Il saffron infused gin di Gabriel Boudier è commercializzato a 40°, con infusione di zafferano e si distingue per il colore arancione.
Quando uno ha per le mani un prodotto nuovo, vale la pena cominciare con un assaggio puro, senza mescolarlo con altri ingredienti. Nel caso di un gin infuso questa scelta è pressoché obbligata, dato che dobbiamo considerare quanto la spezia utilizzata sia rilevante nel distillato e che tonalità conferisca. saffronIl gin allo zafferano della casa francese (di Digione) è davvero un prodotto interessante, il gin di base pare di buona qualità, ricco d note, ginepro, ma anche agrumi, finocchio, angelica, coriandolo; l’infusione è elegante ed equilibrata nonostante la “prepotenza” della colorazione, davvero splendida, c’è che dire! Si sa che lo zafferano ha enormi proprietà, sia quanto a tinta che aromatiche. Il profumo è davvero magnifico, una volta in bocca, secco, non risulta affatto stucchevole, è anzi discreto, piacevole, lascia un gusto persistente, ma non troppo.
Il prodotto sopporta bene anche di essere mescolato con altro, diventa piacevolmente piccante e speziato con aggiunta di angostura e vermouth dolce. Molto bene con ginger (beer e ale), regge alla grande la tonica, meno adatto, invece, al vermouth extra dry, che lo inacidisce un po’.
Ma sono opinioni puramente personali. Se mescolato con tonica va benone, ancora meglio con seltz, o club soda, o anche acqua minerale. Reagisce anche alla grande in un negroni, dove non “intasa” affatto il già complesso panorama aromatico.
Saffron Gin (English)
I have to say I am not a huge fan of aromatized products, and especially flavored ones; vodka, for example, I had just one or two that were not bad. Furthermore I do not propend for sweet beverages.
This French gin is completely different, I read some review before buying it, I trusted them talking about a “classic gin” dry, with just a hint of saffron, and so it is! The color may scare you a bit, but if you know the properties of saffron you know its huge coloring power, it is completely justified and lent’s say, greatly pleasant.
The product itself has a wonderful presentation, the bottle is a classic round pharmaceutical gin bottle, the label has a retro appearance, maybe I would just change the paper it is printed on, I am not a keen of plasticized papers and strong glues, maybe it remounts to the times my father had the habit to take them off the bottle and save them as a souvenir and that’s impossible with such strong materials. Anyway! The big role of appearance is evidently the color, very nice, orange.
The product is 40°, nothing to say about it, when you first open the bottle you can perceive nice classical gin notes, with no exotic elements, if you were blindfolded you will not say this gin has anything as particular as the color would suggest. At first, as I like and prefer, juniper is predominant, than you can appreciate other complexity and notes, and of course the scent of the saffron.
My opinion when you have a new product to try is to have it neat. I first sip it, and then, with gin, I prepare a “Churchill” martini, which means a dry martini with no vermouth at all. It is just chilled gin. Well, tasting it the saffron becomes more evident, but not in a clumsy way, I would say, you can be just interested by the notes you are having in your mouth and you can not regret to buy a all bottle.
A huge range of options and ideas comes into your mind, trying to figure it out how to use and mix it. You will not have the all bottle neat, not because it doesn’t worth the chance, but because despite the fact that saffron is not easily mixable maybe, as a man, by nature you like to explore!
Let’s see: I do not think it has nothing to do with the color, but in my opinion it combines well with sweet vermouth, and orange. Not necessarily together. The “sweet martini” with it is very interesting, being after all a classical gin, a bit of sweetness does not become excessive, and some orange zest does not modify its structure.  You can also prepare a “perfect martini” and this gin works with any other version of this famous classic.

6. Gin: Brooklyn
Probabilmente il Brooklyn è miglior gin americano provato, batte anche il death’s Door, anche se è difficile fare un confronto, perché questo, por con tutte le tipicità dei gin americani, e in particolare quel sentore come di “sapone”, quella vivacità che quando è ben concepita è davvero incantevole, risulta molto più elegante dell’altro.
Di solito un gin così sapido e complesso mostra le sue potenzialità in un Martini, ma a dire il vero, lo ho trovato adattissimo sia per il classico Aviation, che, ancora meglio, per un eccellente clover club.
Gin: Brooklyn (English)
The American gin is way different form the classic London Dry, or that’s my impression after several examples. And generally it is expensive! The Brooklyn gin is around a 45$ for 750 ml.
In other occasions I have not been fully persuaded from US gin, it is typical to find a misbalanced proportion of ingredients and aromas, for my tastes, at least it ends up being “mean”, with no grace. cloverclub
In this case, I have to say that, even being a typical American gin, this is a very personal but also a very pleasant one! No doubt!
And together with the death’s door, which I remember as even more aggressive, it is one of those gins you will not forget easily.
I was not able to clear the history of the brand, since they go under the Warwick Valley Winery & Distillery, “the first distillery reopened after prohibition”, but I have the impression that this product is something “fancy” from NY, that claim to be a typical brand, but that is, in fact, completely renewed. Not bad! But it is not what you would expect when you read about it. Maybe it is a totally new product with a studied marketing outcome with vintage orientation. Not bad! Not bad! But not really authentic either.
Well, the important thing works! And that is enough. Anyway, presentation has to be noticed too! And it is really elegant and suggestive, a nice bottle, squared and “pharmaceutical” of a pale blue color, like some barber shop lotion. The decoration is really nice, with a metal seal n the middle, and a heavy metal cork, that ends in the bottle with actual cork.
Once you open the bottle you can perceive a strong peculiar smell, a perfume that will not be forgotten soon and can’t be confused with something else. Initially it appears to be extremely complex, but after all it is not so, since the predominant notes are just a few, juniper, citrus and flowers, very, very intense, fresh, poetically evocative.
For once the taste maintains the level of the perfume, it is extremely tasty.
As it is needed with new bottles I had it neat, in a “Churchill Martini” (no vermouth at all) and it is incredibly good and characteristic. You can sip it and get lost in its oxymoron of simplicity and complexity.
Normally I am refractory to the use of expensive gin in elaborate cocktails, since they normally cover the important notes of the good products and it is a waste even if you are a millionaire, and furthermore I am not at all. In this case I felt compelled to try it in a Clover Club cocktail, and it works perfectly, the mix ends up being acidic and tasty, with a strong personal note, every passionate consumer of gin will appreciate.
In conclusion I am very happy with my new acquisition, the only flaw is the price, as it was for the KC gin, also very tasty, but less personal.


5. Penicillin Cocktail

penicilinMischiare un Sigle Malt è un po’ un insulto al buon gusto, non si tratta di una questione venale, anche se uno fosse un milionario, dimostrerebbe di meritare solo la sorte dei prodighi di Dante, essere inseguito da feroci cagne nere… ma usare a volte alcuni di essi è tollerabile; una ricetta che considero piuttosto riuscita è un Penicillin Cocktail Jameson, sciroppo di zenzero, sciroppo di miele, limone, e quel tocco di torba con una goccia di Highland Park. Di solito si usa e si consiglia il Laphroaig (10 anni) uno degli scotch più estremi per tanti versi, ma anche il nostro, qui, ha le sue carte, ed è piuttosto arcigno. A molti infatti non piace troppo come Single Malt. 

4. Rieger’s gin, from Kansas City (English)
Rieger’s gin, from Kansas City, is inspired by the best gin tradition (in my opinion it is the London dry), which implicates a strong predominance of juniper, a strong smell, which is exactly what I normally appreciate.
Appearance. The bottle itself is pleasant to see, at the same time it recalls in part the classic pharmaceutical-botanical apothecary cruet, in part a “western saloon whisky”, which I personally like, not only because I am a keen of old fashioned items, but also since it is something “exotic” to my eyes, suggestive, even (let’s say) “adventurous”. I also like the detail of the vintage picture on the back of the label, visible through the transparence of the liquor, the producer is a family active since 1887, the years everybody knows from the movies. Too bad the cork is not actual cork but silicon, it is understandable, but for 30$ maybe you would expect something more accurate and refined.
The cost in fact is definitely too high!
Nose. It confirms what was promised, it is intense and strong, with a predominance of juniper, maybe it is possible to appreciate already the high gradation (46.1°), the smell is aggressive and not very refined (which is not a flow necessarily) but at the same time not excessively persistent.
Taste. I tried it in a Martini (really extreme version) and the taste is less intense than you would expect from the smell, but still pleasant.
In an “old recipe Martini” (almost 2/3 parts) it expresses maybe a more decisive role, it can appear strange, but that’s my impression, it is more spicy and persistent.
Maybe it is preferable in a gin and tonic, I thought as soon as I smelled it, and it can be true, but I suppose it depends from the tastes here. reiger
This is an American gin, as any other American gin I had it is not supposed to be balanced, elegant, and in conclusion is indubitably a nice product, a bit “savage”, I think it has been made with love (that’s important) and it can of course be repeated, surely to find it in a bar can always catch your attention, but maybe it has a little lack of personality, or it does not possesses some distinguish fact to induce you to destiny that amount of money to this local product instead of Beefeater 24, Boodles, Broker’s, for example, or some other renewed gin from Britain you can find at the same price, or even almost half the price, and with same quality and a more balanced flavor.

3. Scotch: Linkwood 1998, 16 years old, Vintage, single malt cask strength, 49.3% ALC/VOL (English)
Today we have to make a digression from the usual structure and content of this blog, which is specifically on American products and food. Don’t worry, it’s just a brief and pleasant detour.
“Romantics” say you can’t forget first love. It is certain, and it is also valid for the first loved booze. In my case, Scotch!
So today we talk about a bottle I dared to order for Christmas, and could not help but open before the 25th. I can’t wait, life is too short!
Linkwood 1998, 16 years old, Vintage, single malt cask strength, 49.3% Alc/Vol.tumblr_inline_nh4mi5IC4f1t6xpi3
I knew the distillery, since in my first travel to Scotland I bought a 22 year old bottle Linkwood, also cask strength, and for many reasons, I considered it the best whisky I had in my life.
This is not a objective opinion, I know it cannot be considered the “best” whisky, if it is possible to find one, but for a agglomeration of randomness, it is a malt which completely satisfied my tastes.
This new bottle is (if memory does not play a bad joke, many years have passed) different from the first, but extremely good anyway. Even just in the color, the 22 year old was paler, even if more aged.
The color is beautiful, it is intense golden rape apricot, or amber, it suggests it has been aged in sherry hogshead, and so it is.
The aroma is simply fantastic, maybe the most distinguished characteristic of this malt. At first (even because of the high gradation) you can perceive a strong and aggressive smell, mostly sherry and alcohol, malt and rape fruit, marzipan, wooden notes. But if you have the patience to wait a bit and warm the liquid holding it in your hands, it becomes very complex, and it is a real pleasure to analyze it. It is sweet, smells of honey, almonds or nuts; I can’t say if it is somehow smoky, but I closed my eyes and imagined discovering a small woodhouse in the forest, where friendly dwarfs offered me their secret malt…
The liquid leaves the glass clean, and it moves fast, even if with majesty.
The taste is round and with no imperfection, no gleanings or excesses, dry, clean, not “greasy” at all or redundant. Even if is impossible not to perceive the almost 50% of alcohol, in some way, the taste provokes a less intense sensation than the smell, but it is an excellent and elegant malt, mature, but still somehow rebellious and vigorous.
I was having wonderful moments when my wife told me (she is very keen of single malts too) this particular one is not her style. Sorry! It is too aggressive and alcoholic. I always impute my higher tolerance strong alcohol in my mouth to the fact we Italians are used to grappa and spirits (sometimes awful) like that. So I suggested adding some water in order to exalt the taste and decrease the gradation, but even so, she was not happy. I opened a bottle of Jim Beam Devils Cut (we will talk about it), but it was not appreciated either. Bad luck! But… until you taste it, you can’t tell if you like it…
The finish is simply magnificent. This whisky… you will perceive it long, in a warm pleasant sphere in your plexus. I went to bed happy like a child, comforted by the malt and sherry caresses of my mother, the bottle.
Price is high, but not unaffordable, and it worth every penny!
In conclusion, it is a very good bottle, I am glad I can have it as long as it will last.

2. My “moving” “American” Dry Martini Cocktail
The Dry Martini Cocktail is an (maybe “The”) American cocktail. My favorite! Sometimes in my country we are deceived by its name, but it is enough to consult the web to have an idea of its complicated and fascinating history.death's
It is American, but it is made, in the main recipe, with London Dry gin and an Italian vermouth. To have an “American” dry Martini cocktail, I consider it necessary (it is a joke, of course) to prepare it with American products, which is what I did as soon as possible.
I have to premise, I had, as many others, a prejudice about vermouths other than Martini Extra Dry to prepare a right Martini Cocktail. I had several alternatives in my life, and I have always been suspicious and never repeated the experience (Cinzano, Gancia, etc.) In particular, I want to say, the famous Lillet, necessary for the Vesper version, didn’t impress me as it is supposed to do, reading about its fame.
It is necessary to premise, too, that the Martini cocktail is so popular that it has become a “universe” by itself among cocktails, and nothing about its preparation is “right” or “wrong”. There are tons of variations, and many of them have a proper name. To chose the favorite one simply depends on personal tastes.
Everyone knows that since its creation, the Martini cocktail has “moved” more and more towards a dryer taste. The most famous dryer recipe is the “in and out” when you just wet the glass with the vermouth, throw it away, and then pour the cooled gin.
Well, I made an extraordinary Dry Martini switching from a London Dry (or Scottish one, you know what!) gin to the American Death’s Door… “something special from Wisconsin”, really! And replacing the Martini with the Italian American Gallo vermouth, from California.
Probably, the incidence of a different vermouth will be noticed more and more preparing the old fashion versions of this cocktail, as they can contain a third part of vermouth and two of gin or, they say, even half and half, but even so the perfume of the Gallo vermouth is certainly pleasant and fresh, so there is no risk to waste a good gin. It is a bitter “lighter” than the Martini on alcohol (16% vs 18%).
The Death’s Door gin is an aggressive one, a strong smelly, perfumed, very spicy, and furthermore commercialized at 47% (94° proof), and that reminds me of old fashioned gins. The price is supposed to be high, but I bought it at a good one.
At the moment is has become my favorite! It has too much personality! You will not resist its charm if you are a lover of the gin, but it is also very reckless, daredevil, and maybe (we’ll see) it can tire, going the distance.
My wife, with her “double olive glass” said she prefers: “your classic Martini”, it means the London Dry one. I can understand her.
Anyway! My conclusion is: the experiment is completely satisfactory! I had maybe the best Martini I prepared in all my life, tasty, spicy, strong, rough, undisciplined, exactly the way I like it, and I want to be myself! I perceived a taste of fennel, and liquorices, delicious!

1. Bourbon and particularly the Jacob’s Ghost and the Black Label, from Jim Beam
I want to spend a few words thanking all those brave men and patriots, enlightened souls, and fearless fighters who, at the risk of their own freedom and lives, stood against the oppression and the intolerance, defended one of the pillars of western culture, and one of the secrets of our worldwide success: good booze.
I do not want to develop here my theory about the relation between success and alcohol consumption, but when I see Muslims on tv casting stones at tanks, I often think: “who are the drunk people here?” It is easy to see how religion separates peoples, and good food and booze unite all of them! The best aspect of globalization, and in this Americans are the best, is the chance to have every kind of food.ghost
Bourbon is almost a mystery to me. I have always been too much into scotches to go deep into the bourbon world, which is complex, too. In general, it is too sweet for my taste, but the point is getting used to it, and I am progressing!
In Europe (in my small town), furthermore, is not easy to find something different from the big classics and famous brands. Until now, my favorite Bourbon is the Maker’s Mark. It is not common in Italy, but it is still possible to find it (of course you can find everything on the internet nowadays, but you have to know what to buy).
Generally, in the group of friends I have there, Jim Beam is more appreciated than the dominant Jack Daniel’s, so once in the US, I decided to try other products from that distillery.
I bought two very different, almost opposite bottles. One is the Jacob’s Ghost, and the other one is the Black extra aged.
Both have one thing in common: they are fascinating!
The first one I bought, attracted by the name and the label, but I was quite sure it was harsh and young, in fact it has just one year refinement in cask, and then is filtrated to be this pale.
It was the first time I had a “white whiskey”, and I have been pleasantly impressed. It is a strong a rough liquor, somehow harsh, but at the same time sweet. It is recommended to mix it, since it is not conceived to be drank neat, but maybe, because we are used to our “grappa”, Italians are keen on the consumption of strong and white alcohol, and I found the sensation (complex) it leaves in the mouth interesting.jbdouble
About “particular” predisposition of Italians for young, harsh liquors, I read once that aged five Glen Grant was produced just for the Italian market, while in other countries, the minimum was ten years old (very, very good malt indeed). Today I see the five years version only in the Italian website, so what I read must be true.
Back to the Jacob’s Ghost, it is a pleasure to perceive its vanilla notes, the corn taste, and at the same time, imagine myself drinking something the “old west guys” of the movies had back in time…
After having tasted it several times, I decided to mix it with the personal recipe my housemate and I fixed in Italy: bourbon (or Jameson) ginger ale, lemon, much ice and an optional sip of soda water. Very good!
My wife tried to drink it clear, like I was doing, but she found it disgusting, felt sick, mixed it with cola, then switched to more “feminine” cocktails.
The Jim Beam Black is at the other end of the scale as a bourbon! Aged eight years, it is smooth, sweet, complex, warm. After all, it is aged double the time of the white label (the regular one from Jim Beam) and it makes a huge difference. In my opinion, considering the result of eight years refinement of the Jim Beam, I think Bourbons need generally to be aged less than scotches to reach their “climax”. A scotch matures perfectly in 15 years, and gets better and better normally, but (in my opinion) not always, even doubling this number.
Very well the Jim Beam products, than! Thumbs up!

(Visited 287 times, 1 visits today)