La Prima Guerra mondiale, arte e vignette di satira politica.

remakers* Questo articolo è stato originariamente scritto per essere pubblicato sul sito dell’Associazione Culturale “Dimensione Fumetto” di Ascoli Piceno con il titolo: Prese in giro e cordoglio” al WWI Museum di Kansas City. È stato poi tradotto in inglese e qui di seguito rimaneggiato e un po’ ampliato nella parte storica.

Considerazioni introduttive
Kansas City (Missouri-USA) ospita non il più grande, ma addirittura l’unico Museo (e Memorial) Americano interamente dedicato alla Prima Guerra Mondiale, anteriormente chiamata “Grande Guerra”, prima che –mi si passi la battuta- si “concludesse per davvero” con la Seconda.

La partecipazione americana al conflitto da noi chiamato “15-18”, ma che in effetti fu “14-18” (l’Italia entrò undici mesi dopo l’inizio), passa sempre un po’ in sordina.
In effetti gli americani vi furono -tutto sommato- tirati dentro solo nel 1917, sotto il mandato del presidente Woodrow Wilson, successore di Theodore Roosevelt. Quest’ultimo è quello della celebre frase strategica: “speak softly and carry a big stick”, e appunto aveva molto puntato sul “grosso bastone intimidatorio” del potenziamento navale, di un paese che però sarebbe voluto rimanere fuori dal conflitto, e che fu ritenuto (evidente errore di valutazione) ancora militarmente ininfluente, da parte degli Imperi Centrali .
Eppure a scopo dimostrativo tra il 1907-08 aveva mandato in giro per il mondo la così detta “Great White Fleet“, sedici corazzate accompagnate da altre navi da guerra e di appoggio, dipinte di bianco in segno di pace, ma che dovevano dimostrare la massiva capacità produttiva statunitense.

Con il loro intervento al conflitto mondiale gli USA in pratica diedero il (primo) colpo di grazia alla Germania aiutando i loro “ex nemici” i britannici. Bundesarchiv_DVM_10_Bild-23-61-17,_Untergang_der_-Lusitania-

Rispetto all’entrata in guerra, gli interessati possono approfondire i fatti a partire dal casus belli del transatlantico RMS Lusitania, che fu affondato da un paio di siluri di un U-boot tedesco, e dove morirono civili americani in tal numero e modo che il presidente fu praticamente costretto a rompere gli indugi ed entrare nel conflitto dalla parte degli inglesi, verso cui (Wilson) fu durissimo, però.
La situazione era assai complicata, e sul caso specifico pare che i britannici avessero voluto usare i cittadini americani come scudo per infrangere il blocco navale tedesco, mentendo su un cargo che effettivamente conteneva quelle armi che non avrebbe dovuto contenere. Probabilmente essi accettarono di buon grado l’ipotesi di un affondamento che avrebbe magari tirato dentro al conflitto l’America.
Ragionamento tutto sommato opposto -sempre forse- fecero i tedeschi, che silurarono la nave passeggeri accettando il rischio dell’intervento in guerra di un’altra nazione.
Può essere aggiunto che gli USA avevano avuto notizia del fatto che il Kaiser stava pianificando di fomentare un attacco messicano contro di loro. E per giunta gli investimenti americani verso gli alleati erano troppo alti ormai per rischiare di perderli completamente! La situazione era veramente intricata!
A conflitto conclusosi, Francia e Inghilterra non vollero ascoltare gli Stati Uniti che ritenevano troppo gravose le sanzioni da loro comminate alla Germania. Intervenuti tardi, “non comprendevano” le sofferenze patite dai loro popoli.
Wilson pagò anche antipatie pressoché personali. Prima della fine  e per scongiurare un intervento diretto, aveva cercato, forse in maniera troppo dispotica, di ricomporre la vicenda europea, proponendo una pace senza vincitori né vinti, sostanzialmente rifiutata dai britannici.
Così però, il disastro, era servito, si era seminato affinché germogliasse la risposta Hitler, che già nel 1922 si apprestava ad affrontare attivamente la scena politica.
Lui bombarderà Londra, e obbligherà i francesi a firmare la loro resa proprio nello stesso preciso vagone ferroviario a Compiegne, in cui era stata umiliata la Germania nel 1918. Lo fece tirar fuori dal museo dove era conservato.
Con la fine del conflitto, si configureranno assetti nazionali problematici che avranno strascichi fino ad oggi stesso, ed inoltre la nazione già più prospera del mondo (gli USA) farà un impressionante ed ulteriore balzo in avanti.Harry_S._Truman_WW_I
Tanti protagonisti politici del “secondo round” bellico mondiale saranno reduci del primo, tra essi anche il presidente Harry Truman, che dovrà decidere di sganciare due bombe atomiche sul Giappone per porre definitivamente fine allo spargimento di sangue: il “degno suggello” del mezzo secolo più sanguinario della storia dell’umanità.

L’epoca più prospera e felice (questa dove viviamo) fu preceduta dalla peggiore: in rapida successione il conflitto più sanguinoso mai datosi perse il suo triste primato, ai suoi 17-22 e più milioni di morti in meno di 5 anni, se ne aggiunsero solo un ventennio dopo (approssimativamente) altri 60-85 milioni, a cui vanno aggiunti milioni e milioni di mutilati, orfani, vedove. Cifre che tolgono il respiro e primati che si spera non verranno mai più neppure avvicinati.

Uber AllesMostra e Presentazione
Nonostante la, benché decisiva, breve, partecipazione al conflitto degli USA, e il fatto che il teatro bellico fosse altrove, in America grande è la passione degli studiosi per questo periodo storico (ma per tutta la loro breve storia, in genere).

Ho avuto la fortuna di ascoltare presso l’Edward Jones Research Center una magnifica presentazione organizzata dall’archivista Jonathan Casey e tenuta dalla Dr. Jan Schall del Nelson-Atkins Museum of Art  di Kansas City, che condensa e riassume quella sul Dadaismo che i più appassionati possono ascoltare sul tubo: conferenza completa.
Per giunta ero accompagnato dal mio caro amico e storico Charles Keller, non si poteva avere migliore compagnia e più qualificata, dato che il Museo lui ha contribuito a metterlo su (ed è semplicemente splendido) ed ha anche realizzato varie donazioni, tra cui una prima edizione del celebre scritto di H.G. Wells: “The War that will end War”.

La presentazione con, annessa esposizione incentrata sull’arte satirica dDSCN8829i Louis Raemarkers, si intitolava: “Mockery and Mourning: World War I in Art and Political Cartoons” (tradotto: “Prese in giro e cordoglio: la Prima Guerra mondiale in arte e vignette di satira politica”).
Il ‘900 fu secolo di importantissimi cambiamenti, anche culturali ed artistici. Durante la Prima Guerra Mondiale si moltiplicano le opere satiriche a contenuto politico, un sistema per riassumere in un colpo d’occhio una situazione generale, farsi beffe di qualcuno, attirare l’attenzione e comunicare qualcosa a chi non fosse in grado di leggere o non ne avesse tempo e voglia, strappando magari un sorriso, e molto altro. Prolificavano anche i manifesti di propaganda, “lo zio Sam” negli USA, vuole propUnclesamwantyou1917rio te, che sta indicando, e, in un certo senso, già dal secolo precedente stavano sviluppandosi nuove maniere di lanciare messaggi e forme di comunicazione: prendevano piede fenomeni che si sarebbero presto diffusi mondialmente e sarebbero divenuti popolarissimi, non solo la satira illustrata, ma pure il fumetto.
Accanto alle opere satiriche si affiancano anche quelle, tutto sommato opposte nel contenuto e nello scopo, che indulgono nella prosternazione e la celebrazione del lutto, e nella condanna dell’orrore.
Inoltre col conflitto, e specie questo nuovo tipo di conflitto globale e tecnologico-industriale, tutto perde di senso, la realtà stessa diviene un incubo, che appare irreale. In molti iniziano a percepire questo angosciante vuoto del senso e devono manifestarlo.

Si tratta di una guerra di trincea orrenda, segnata dall’apparizione della tecnica e della scienza, impiegata per la distruzione e lo sterminio, si arriva all’uso dei gas nervini, ai bombardamenti sulle città. Conseguentemente si fa più labile la differenza tra civili e militari, entrambi sono chiamati a gravi sofferenze. Scienziati ed intellettuali (con fulgide eccezioni come Einstein, o Majakovskij) faranno l’errore di ritenere la guerra un’opzione percorribile (molti riconosceranno di aver avuto torto, ma non sarà sufficiente a scongiurare la Seconda). Appaiono i primi sommergibili, i primi carri armati, le mine e le granate, i siluri, ma il tutto è affiancato da strumenti, armi, situazioni ancora tradizionali, se non addirittura primordiali: si continua, infatti, a usare sciabole, baionette, persino mazze ferrate, impiegate, in specie, per finire moribondi con i polmoni fritti dai gas. A fianco a ferrovie e motori a scoppio, ad aerei, prosegue il trasporto con animali come cavalli, asini e somari, i pidocchi e i parassiti tormentano gli eserciti.canno'
Guerra faticosissima, per onorare gli italiani sulle Alpi, si citi un’impresa tra tutte, divenuta ormai e meritatamente celeberrima e leggendaria, quella in cui un cannone -detto “l’ippopotamo”- un mezzo di ghisa di tonnellate di peso, arrivò trasportato a mano fino a Cresta Croce, sull’Adamello,  a oltre tremila metri di altitudine. Qui un bell’articolo del National Geographic da cui è presa la foto.

MazzaLa terribile eredità di sangue e morte del conflitto sarà raccolta e raccontata dagli artisti, con gli occhi sgranati su orde di sfigurati, incapaci di reinserirsi in società, confinati in case di riposo ormai divenuti dei freak, mutilati costretti a mendicare ed ignorati da tutti, dopo aver servito il loro paese. Orde di bimbi sono senza padre. Ecco anche le prime protesi meccaniche e i tentativi di chirurgia estetica e molto altro.world-war-i-disfigured-veterans
In battaglie come la Somme (vi prese parte anche JRR Tolkien, come non manca di segnalarsi al WW1 Memorial & Museum) o, specie, Verdun, l’artiglieria martellava lo stallo militare con ritmi che sono stati descritti di un’esplosione al secondo giorno e notte. Ogni colpo poteva essere fatale. Per chi avesse voglia di inorridire, sono reperibili atroci filmati dell’epoca, di uomini sfiniti e vinti, non in grado di controllarsi e costretti a tremare per il resto dei loro giorni; le sindromi da stress post traumatico, dopo aver chiesto semplicemente troppo agli esseri umani, appaiono per la prima volta in modo dolorosamente evidente. A chi voglia guardarli, speriamo servano di lezione!
È anche pieno di uomini che vogliono vendetta, e tra essi, appunto, il loro leader: Hitler.
E come si diceva, fronte a tutto ciò, tutto perde così completamente di senso, che una parte del mondo dell’arte questo solo vuole arrivare  a comunicare. Oltre alle caricature e alla satira, e oltre alla commiserazione, nasce il Dadaismo. Un movimento potente e significativo.

Ecco qui di seguito alcuni nomi e poche opere di artisti come Louis Raemaekers (su cui era incentrata l’esposizione), Gustave Wendt, Hugo Ball, Marsden Hartley, Käthe Kollwitz, Andre Masson e Georges Rouault, Walter Trier.

Trier Map

Walter Trier, nel 1914, delinea con ironia i tratti dei paesi europei, trattando sia i contendenti che alcuni di quelli neutrali, tra cui, oltre a un’afflitta Spagna, -fino ad allora- anche l’Italia: un “terrone col nasone e il baffo”. La Francia è un “gran casino”, la Gran Bretagna col suo “cane” Irlanda è a punto di sguinzagliare la sua flotta. Gli eroi sono evidentemente i tedeschi e gli austro-ungarici, che combattono coraggiosamente su due fronti; la Russia è un gigante che sta per divorare tutto e va contenuto, la Bulgaria è rappresentata come una Russia in miniatura.

HarkHark

Quest’altra mappa ha come tema “i cani”, il bulldog inglese e il barboncino francese affrontano Germania e Austria-Ungheria, mentre la minaccia più grande è sempre l’immensa Russia: un orso minaccioso e feroce che arriva con uno schiacciasassi a spianare l’Europa occidentale. Se è un po’ protocollare l’immagine dell’Italia, rappresentata da un bersagliere, quella della Spagna scade nello scontato: un matador.
Il tema “cartine” è stato insistito anche perché scopo della guerra fu ridefinire i territori. Successivamente ad essa, infatti, i confini di gran parte delle nazioni furono ridisegnati. Tra esse, quelli dell’ormai dissolto Impero Ottomano. Molte, non tutte, ma molte, delle conseguenze di quell’assetto, per lo più voluto dai britannici, si manifestano ancora oggi, specie in Medio Oriente.

DSCN8826

Ed ecco Raemaekers, oltre che vignettista satirico, anche poeta e grande intellettuale olandese. Vediamo due rappresentazioni sulla situazione serba, dove la Germania è proposta come un brutale energumeno, mentre l’Austria-Ungheria ha uno sguardo assai più sveglio, ma anche un occhio pestato dalla piccola nazione contro cui ottiene scarsi progressi, e che sta fieramente a protezione di una madre che piange. E ha ottime ragioni per lacrimare, la Serbia, nazione di quattro-cinque milioni di persone all’epoca, che assommerà vittime fino a mezzo milione.

DSCN8824

Il bilancio atroce di vittime è raffigurato da un’orda sterminata e plumbea di donne e bambini senza padri, quasi fossero figli delle croci che sovrastano la scena. Morte e lutto si ripercuotono soprattutto sulle vedove e le donne in gramaglie, ormai sole, che dovranno riuscire a badare a loro stesse.

DSCN8822

Qui ci si riferisce a un episodio scabroso che mosse a sdegno e fu subito cavalcato dalla propaganda: l’infermiera britannica Edith Cavell fu brutalmente fucilata dai tedeschi, quand’anche la sua missione fosse quella di aiutare e lenire le sofferenze di chiunque le capitasse sotto mano, amici e nemici, in virtù di un superiore e nobile principio di solidarietà che non riesce a fare distinzioni tra esseri umani a seconda di un’insignificante appartenenza nazionale, o una divisa. I tedeschi sono porci feroci e volgari, che dileggiano una bella e virtuosa ragazza assassinata, e hanno atteggiamenti luridi, osceni. C’è forse qualcosa da “Fattoria degli Animali” qui. Da notare il particolare della decorazione militare appesa “là dove non batte il sole”, nel maiale di terga.

DSCN8820

Il Kaiser “William” (Guglielmo) è sempre rappresentato con dei baffi che riproducono, forse è un caso, l’iniziale del suo nome, ma anche come un opportunista che usa farsi scudo di altri, e in questo caso Francesco Giuseppe, o manipolare e suggestionare (e qui la Turchia, o Impero Ottomano).

DSCN8816

Il figlio del Kaiser è ritratto come una sorta di debole cicisbeo imbecille, il colbacco col “totenkopf” gli dà un’aria infantile e forse da “appassionato di morte”, la giubba ricorda uno scheletro. Qui chiede al padre se manca ancora molto per il fiume Beresina (dove si diede la famosa battaglia di Napoleone); nella vignetta sono allegramente condotti in slitta, dalla Morte stessa, verso il loro destino nella avventata campagna di Russia.

DSCN8814

Un ridicolo Kaiser che veste i panni di Mosè prova a condurre il suo popolo, tramite una Guerra Santa, verso la Terra Promessa, mentre nell’altra vignetta, ancora una volta un fomentatore e falso Kaiser, qui travestito da turco, cerca di mandare in una lotta impari un terrorizzato Impero Ottomano contro il gigante russo, affatto intimorito e anzi fiducioso e minaccioso.

DSCN8812

La guerra è orribile per tutti! Prigionieri! Anche i nemici sono feriti, stremati, soli, scrivono a casa, sono costretti a scavare, vivere sotto terra, assaliti da pidocchi e parassiti, tra esplosioni, mentre la morte li circonda: a neppure un metro, si muore sotto i proiettili nemici! Questa guerra è una pazzia!

DSCN8810

Ed ecco gli Stati Uniti D’America, rappresentati sempre come lo Zio Sam, magro, disinvolto, affatto intimorito, informale e anzi spavaldo e intraprendente; guarda in faccia il macellaio Kaiser, o forse il generale Hindenburg “esecutore materiale” del fronte orientale, ha le mani in tasca, fuma, e piglia a calci il nemico come farebbe un cowboy in un saloon. Forse nella struttura fibrosa e longilinea ricorda il grande Presidente Lincoln.

DSCN8808

Questa guerra è condannata pure dal Cielo! La Madonna e suo figlio accusano i tedeschi, vittime di loro stessi, e i loro alleati, irrispettosi del sacro e che ri-eseguono la trafila dello schernimento e uccisione di Cristo.

DSCN8806

Il Kaiser è solo e assalito dalle sue colpe e i suoi rimorsi, orde di morti e fantasmi lo circondano e minacciano, mentre, dall’immagine della Sacra Sindone stessa, nientemeno che Cristo contempla afflitto.
Ma eccolo il disegno forse più bello e suggestivo, la Morte in persona si disseta di sangue umano: “alla salute della civiltà!” recita il titolo della vignetta.

DSCN8804

La Cattedrale di Reims è distrutta! Il Museo WWI di Kansas City ha ancora dei pezzi di vetrata e ornamenti, l’immagine bella di Cristo giace rotta su cumuli di macerie che una volta erano arte, e in una delle icone più suggestive e famose, l’Europa legata alla ruota non è stata ancora torturata abbastanza: “Non sono ancora abbastanza civilizzata”, recita sardonico il titolo dell’opera.

Wendt3

Cambiando artista, Wendt rappresenta il celebre Guglielmo Tell che, sotto gli occhi del figlio, gratta via il suo nome, analogo a quello del Kaiser, dalla base del monumento a lui dedicato, non vuole più portarlo, tanta è la vergogna.

wendt4

Inquietanti marionette militari si producono in una goffa danza di morte… e uno, e due, e tre, e via tutti morti!
In un’altra vignetta simile si ritrovano marionette analoghe a quelle che citammo sulla serie de “I Boia e altre atrocità” i famosi Punch and Judy.
Personalmente vi vedo anche un motivo ispiratore della bella sigla di apertura del magnifico film “Brancaleone”, di Monicelli, il più grande dei registi italiani, film del 1966.

wendt2

In fin dei conti, ecco di cosa si tratta: dividersi il formaggio! “Vieni anche tu Ungheria”, la quale trascina lenta la sua lumaca e non vorrebbe intervenire (allusione alla riluttanza del paese verso la situazione bellica).
Nella vignetta successiva, la lumaca al guinzaglio è abbandonata e la donna caricaturale ha preso parte alla macabra danza.


WendtMorte, morte, e ancora morte! Un trionfo solo di morte.

Adesso, come anticipato, ecco qualche immagine non più satirica, ma relativa al principale movimento artistico scaturito da tutto questo nonsenso e massacro, il Dadaismo. Il quale usa tecniche nuove e “assurde”, caotiche per esprimere i propri punti di vista, collage, addirittura rappresentazioni teatrali con vestiti metallici come quello di Hugo Ball. Macchina e uomo paiono e devono compenetrarsi, viste le tante protesi di cui si ha bisogno, inoltre l’automatizzazione e l’industria hanno tradito l’essere umano che le ha create, hanno portato distruzione invece che progresso.

Hannah Höch. German, 1889-1978 Cut with the Kitchen Knife through the Last Weimar Beer-Belly Cultural Epoch in Germany (Schnitt mit dem Küchenmesser durch die letzte Weimarer Bierbauchkulturepoche Deutschlands). 1919-1920 Photomontage and collage with watercolor, 44 7/8 x 35 7/16” (114 x 90 cm) Staatliche Museen zu Berlin, Nationalgalerie © 2006 Bildarchiv Preussischer Kulturbesitz, Berlin, © 2006 Hannah Höch / Artists Rights Society (ARS), New York / VG Bild-Kunst, Bonn, photo: Jörg P. Anders, Berlin

main-qimg-ff68d5b26be6dbf1e6adc49383483578

hugoball

Hugo Ball era portato in scena a mano da assistenti e si produceva in uno spettacolo delirante.

MechanicalHead-Hausmann

Da notare qui il particolare della ciotolina per le elemosine sul capo, l’unica risorsa che resta ai mutilati.

dada-51

Particolare della foto in bianco e nero di sopra. In buona sostanza, se volete capire quest’opera che ritrae un generale, dovete essere soldati, dovete essere passati per quell’inferno.

ottodix

ottodix

Otto Dix! Ecco che resta della guerra: orde di mutilati grotteschi e ignorati da tutti, e cadaveri a marcire insepolti.

(Visited 2,217 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.