Merdeggiare avido e accorto

Merdeggiare avido e accorto
da indecente nano e storto,
accattare tra i bruti e gli stronzi
schizzi di merda, frotte di servi.

Mentre crepan al suol pien di feccia
tirarsi le strisce tra rozze fiche
ch’ognora irrompono e s’ingroppano
sozze come pustole e bieche.

Ottenere da frodi un capitale
lottando per farti star male
mentre si elevano tumuli da ricchi
tra cicale tu calvo campicchi.

Annaspando tra la merda che avanza
smentire la trista accozzaglia
che tutta la vita è un buffo raglio
e mesto sanguinar da una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

(Visited 90 times, 1 visits today)