206. PILLOLE DI DANTE: Le tre Parche

Le tre Parche, corrispondenti alla greche Moire, le celebri e sinistre, divinità romane, sono menzionate tutte nella Divina Commedia: Atropo, l’Inesorabile, da -τρέπω (Inf. XXXIII), Cloto la Filatrice, da κλώθω (Purg. XXI) e Lachesi da λαχεν, (Purg. XXI).

Figlie di Erebo (dal greco  ῎Ερεβος, “tenebre” e quindi anche personificazione degli inferi, figlio di Caos) e della Notte (sua sorella da cui ebbe altra svariata discendenza), o di Zeus e Themis, si occupavano dello stame della vita umana, la cui intera vicenda era rappresentata da operazioni tessili.

Alla nascita di ciascuno, Cloto, la più giovane, prelevava una certa quantità di lino, lana, o canapa (pennecchio) e la avvolgeva sulla conocchia, Lachesi, poi, la filava giorno e notte.

La durata di vita di ciascuno era determinata e limitata dalla attività di questa Parca, dato che, quando ella finiva di tessere, il filo era ineluttabilmente reciso dalle forbici di Atropo. “Clotho colum retinet, Lachesis net et Athropos occat”.

(Visited 401 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.